Giornalisti inutili: ricerca università americana sviluppa programma che genera tg e reportage sportivi senza la mano dell’uomo

north western universityI giornalisti? Sono sempre meno indispensabili per fare informazione. Un gruppo di studenti e di docenti della NorthWestern University, infatti, ha messo a punto un telegiornale totalmente automatico, senza necessità del lavoro umano.

Il progetto sperimentale, chiamato “News @ seven”, prevede un sistema che cerca automaticamente le informazioni online, associandole a immagini o video trovati in rete, e realizza un servizio televisivo che viene presentato da avatar. E come se non bastasse gli internauti potranno scegliere il presentatore del telegiornale fra vari i avatar proposti, o ritagliarsi un notiziario personalizzato segnalando solo i temi che li interessano.

Seguendo lo stesso principio usato per il notiziario, alla NorthWestern hanno messo appunto anche un sistema che è in grado di fare la cronaca di una partita di baseball (per ora): il programma riesce a raccogliere i risultati, le descrizioni delle principali azioni dell’incontro, i vari dati statistici, inventa un titolo e allega una foto.

Leggi tutto »

Premio Tomassetti e Premio Manzi, due riconoscimenti per il giornalismo scientifico e la comunicazione educativa

Un premio per l’informazione scientifica e uno per la comunicazione educativa. Sono il premio Riccardo Tomassetti e il premio Alberto Manzi, dedicati due materie troppo spesso ai margini del giornalismo, ma che rivestono un ruolo molto importante nell’informazione.

Il premio Tomassetti, giunto alla seconda edizione, è riservato ai giornalisti under 35 che invieranno entro il 31 ottobre i propri articoli sul tema dell’Aids e dell’H.i.v. Lo scopo fondamentale del riconoscimento è tenere alta l’attenzione sulla gravità di questa malattia e sui comportamenti maggiormente a rischio di contagio soprattutto tra i giovani. L’H.i.v. è una malattia che ogni anno in Italia colpisce 4mila persone: sempre più spesso sono colpiti donne, eterosessuali, adolescenti e immigrati, poco consapevoli dei rischi del contagio.

La mancanza d’informazione e la percezione inadeguata del rischio ritardano il momento della diagnosi, compromettendo la piena riuscita della terapia antiretrovirale. Oggi dal 30 al 50% dei pazienti con nuove infezioni arriva al test in condizioni avanzate di malattia, rendendo più difficile rallentarne la progressione. Il premio è promosso dalle principali associazioni italiane attive nella lotta contro questa grave malattia ed è sostenuto dall’azienda farmaceutica Pfizer Italia.

Leggi tutto »

Google studia come far pagare le news online

Rupert Murdoch ha un nuovo alleato nella sua battaglia per le news online a pagamento: Google. Il motore di ricerca americano, che proprio in questi giorni sta avendo non pochi problemi con gli editori di tutto il mondo, ha ideato un metodo di pagamento con cui far pagare l’informazione sulla rete.

A diffondere la notizia il Nieman Journalism Lab, il centro di ricerca sui media dell’Università di Harvard. Secondo il centro, il colosso di Mountain View avrebbe già sottoposto il progetto all’Associazione dei giornali americani (Naa). La proposta di Google si baserebbe sul modello dei “micropagamenti” pensato appositamente per l’industria dell’informazione. Il punto di riferimento in questo senso è il sistema analogo usato da Apple per la musica (iTunes) e le applicazioni dei cellulari (AppStore).

Leggi tutto »

Scontri al G8 di Torino, Assostampa Piemonte rifiuta di consegnare le foto alla Questura

I delegati dei giornalisti piemontesi, riuniti a fine maggio per il Congresso regionale dell’Associazione stampa subalpina, hanno rigettato le richieste presentate a giornali e tv dalla Questura di Torino, che voleva acquisire fotografie e filmati sugli scontri tra studenti e polizia del 19 maggio a Torino, in concomitanza con il “G8 dell’Università”.

La decisione, formalizzata in un documento inviato alla Questura torinese e pubblicato in questi ultimi giorni dal sito web di “Autonomia e Solidarietà” del Piemonte, affronta un problema che è tra i più delicati della professione, perché pone il singolo giornalista davanti alla non facile scelta tra i doveri della disciplina professionale e quelli stabiliti dalle leggi dello Stato.

Leggi tutto »

E’ nato Ustation, il portale dei media universitari

E’ nata oggi, nell’ambito della terza edizione del Festival delle Radio Universitarie FRU 2009 che si svolge presso l’Università degli Studi di Salerno, “Ustation”, il primo progetto italiano dedicato alla produzione multimediale universitaria, realizzato da Umedia con il supporto di Telecom Italia e in collaborazione con RadUni, l’associazione degli operatori radiofonici universitari.

Obiettivo principale del progetto è valorizzare i prodotti di comunicazione realizzati in tutte le università italiane all’interno dei laboratori multimediali, dei singoli corsi, degli incubatori e dei circuiti creativi, sostenendone lo sviluppo. Ustation vuole riunire tutti i media universitari in un unico sito web disegnato con una logica tipicamente web 2.0.

Leggi tutto »

“Crescere tra le righe”. Dopo il “quotidiano in classe”, torna il convegno per invogliare i giovani alla lettura

I giornali nella crisi globale e il loro futuro con lo sviluppo dei nuovi media su internet. Saranno questi i principali temi affrontati alla due giorni, che si terrà il 22 e 23 maggio prossimi a Borgo la Bagnaia in provincia di Siena, di “Crescere tra le righe”, sesto appuntamento dell’Osservatorio permanente Giovani editori, che ha come obiettivo quello di avvicinare i giovani alla lettura del giornale attraverso l’iniziativa “Il quotidiano in classe”.

“I giornali – ha detto alla presentazione milanese Andrea Ceccherini presidente dell’Osservatorio - stanno vivendo una crisi che è gravissima. Il nostro appello a tutti coloro che parteciperanno alla nostra due giorni è di essere critici e autocritici. E’ necessario guardare al futuro perché non sono ammessi tempi supplementari”.

Leggi tutto »

Premio cinque stelle al giornalismo, riconoscimento per la scuola di Bari

Cinque stelle alla scuola di giornalismo di Bari, sono quelle del premio “cinque stelle al giornalismo”. Il prestigioso riconoscimento giunto quest’anno alla quarta edizione e organizzato da “Select hotels collection” in collaborazione con l’Azienda di promozione turistica Emilia Romagna e Banca popolare di Ravenna, sarà consegnato domani, 25 aprile, nella splendida cornice del Palace Hotel di Milano Marittima.

Il riconoscimento è andato alla Scuola di giornalismo di Bari perchè “diventata, in un momento assai delicato per il futuro dell’informazione soprattutto al sud, – si legge in una nota – riferimento certo per tutti gli aspiranti giornalisti del Mezzogiorno d’Italia e non solo”.

Leggi tutto »

Luiss, De Mucci nuovo direttore della Scuola Superiore di Giornalismo

de-mucciIl Consiglio di Amministrazione dell’Università Luiss Guido Carli ha nominato come Direttore della Scuola Superiore di Giornalismo il prof. Raffaele De Mucci, docente di Scienza Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche.

Il professor De Mucci è anche titolare della cattedra di Politica Comparata sempre presso la facoltà di Scienze politiche della LUISS. Inoltre collabora con varie riviste scientifiche e con l’Istituto per l’Enciclopedia italiana. In particolare si occupa di studi e ricerche relativi ai temi della partecipazione politica, all’analisi elettorale, alla democrazia nei piccoli gruppi, alla teoria e alla metodologia degli studi politologici. E’ notista politico del quotidiano Il Tempo, collabora con Il Sole 24ore e con le testate giornalistiche di Radiorai. Dirige la collana “Kosmos e Taxis. Idee per la scienza politica”, dell’editore Rubbettino.