Lettonia. Ucciso giornalista e editore di un quotidiano

La carta geografica della Lettonia

La carta geografica della Lettonia

Ucciso a sangue freddo da due sicari. La vittima è Grigorijs Nemcovs, direttore e redattore capo del quotidiano lettone “Million” e proprietario di una televisione locale con lo stesso nome. Il giornalista ed editore è stato colpito da due proiettili alla testa mentre si stava recando ad un appuntamento nella città di Daugvpils (nella regione di Latgale).

L’omicidio, avvenuto il 16 aprile verso le cinque del pomeriggio, era stato pianificato in tutti i particolari. L’assassino ha probabilmente aspettato Nemcovs mentre si recava ad un caffè sulla Lacplesa Street, vicino all’università di Daugavpils. La polizia per ora ha aperto un’inchiesta anche se non ci sono ancora indagati.

Leggi tutto »

Premio Ilaria Alpi, al via la XVI edizione

ilaria alpiPrende il via la XVI edizione del premio giornalistico Ilaria Alpi. Il bando di partecipazione al premio dedicato alla giornalista uccisa in Somalia il 20 marzo 1994, è ufficialmente aperto.

Per l’occasione è stato inaugurato anche il nuovo sito dedicato alla manifestazione realizzato grazie alla collaborazione di Hi-net e visitabile all’indirizzo: www.premioilariaalpi.it. Informazioni, bando e regolamento del concorso sono già scaricabili dal sito.oltre Navigando nelle nuove pagine si possono vedere i video finalisti dell’edizione 2009 (da aprile anche i finalisti del 2010) e i video promozionali prodotti dal Premio stesso.

La cerimonia di premiazione quest’anno si terrà a Riccione dal 17 al 19 giugno 2010. Chiunque voglia partecipare dovrà inviare i propri lavori entro le ore 12 dell’10 aprile 2010.

Il Premio, promosso da Regione Emilia-Romagna, Provincia di Rimini, Comune di Riccione e Associazione Ilaria Alpi Comunità Aperta, è riservato a servizi ed inchieste giornalistiche televisive che trattino temi di impegno civile e sociale (solidarietà, non violenza, giustizia, diritti umani, lavoro).

Leggi tutto »

Crisi, altre tre redazioni in agitazione

Redazioni in agitazione in molte parti d’Italia. Ad alzare la voce anche alcune realtà storiche del panorama dell’informazione, come quelle di Rainews24 e quelle del Piccolo e del Messagero Veneto.

In casa Rai, il Cdr di Rainews24 proclama lo stato di agitazione e chiede chiarezza ai vertici dell’azienda sulle voci di tagli di mezzi e risorse all’unica televisione all-news pubblica italiana. “Dal 1999 – scrive il Cdr in una lettera alle alte sfere di viale Mazzini – Rainews24 ha garantito l’informazione di servizio pubblico in tutti i momenti cruciali italiani e internazionali: dagli attentati alle torri gemelle fino al terremoto in Abruzzo, passando per la copertura dei conflitti e per le grandi inchieste. Ora, dopo 10 anni, è arrivato il momento della chiarezza. E’ arrivato il momento delle risposte”.

Leggi tutto »

Direzione RaiTre. I dirigenti difendono Paolo Ruffini

Dopo giorni di polemica politica, dentro e fuori la Rai sul rinnovo del vertice di Raitre, i dirigenti della rete, escono allo scoperto e in una lettera spiegano che “trovano doveroso esprimere tutto il loro stupore ed il loro sconcerto per il persistere di notizie relative alla sostituzione del direttore della rete, Paolo Ruffini”.

“Questa ipotesi – a loro avviso – non solo non è legata ad una scadenza del mandato ma è priva di qualsiasi motivazione editoriale o professionale e avrebbe effetti fortemente negativi sull’immagine e la credibilità del servizio pubblico mettendo di fatto in discussione la continuità di una linea editoriale vincente in termini di qualità, ascolti, immagine, innovazione e rispetto delle compatibilità economiche”.

Leggi tutto »

Rainews24: il Cdr chiede certezze per il futuro

“Lo switch verso il digitale terrestre e’ una grande opportunita’ per Rainews24. E per la Rai. Finalmente l’all-news del servizio pubblico radiotelevisivo entra nelle case di tutti gli italiani. Ed e’ – su quella piattaforma – l’unico canale italiano di informazione 24 ore su 24 ore. E’ un’occasione che i giornalisti di Rainews24 non vogliono perdere. E’ una sfida che siamo certi di vincere”. Lo afferma in una nota il Comitato di Redazione di Rainews24, al termine dell’assemblea.

“Perche’ i giornalisti, i tecnici, gli assistenti, gli impiegati di Rainews24 hanno dimostrato in questi 10 anni di essere un elemento irrinunciabile del servizio pubblico: dalle dirette alle grandi inchieste come quella sul fosforo bianco di Falluja, alla copertura delle emergenze, ultima quella del terremoto in Abruzzo – prosegue il Cdr -. Ma per affrontare la sfida al meglio abbiamo bisogno di certezze sul nostro sviluppo”.

Leggi tutto »

Pino Maniaci, il giornalista che combatte la mafia, processato per esercizio abusivo della professione. E l’ordine siciliano si schiera contro di lui.

Un giornalista siciliano che pratica la professione ma non ha il tesserino dell’ordine; un giornalista che si batte da anni contro la mafia dagli schermi di una piccola tv palermitana, “Telejato”, e si trova sotto processo per “esercizio abusivo della professione”; un giornalista che vede l’Ordine regionale della Sicilia schierarsi come parte civile, contro di lui, nel suddetto processo. Il giornalista in questione è Pino Maniaci, sua l’incredibile vicenda che lascia stupefatti.

Questa la storia: Pino Maniaci è un coraggioso giornalista che dai microfoni di Telejato denunciava e denuncia ogni giorno i misfatti dei mafiosi e dei loro amici. Per questa ragione Pino vive sotto scorta, dopo aver ricevuto avvertimenti di ogni sorta, anche sotto forma di attentati e di un pestaggio in pieno giorno consumato sotto gli occhi di decine di testimoni. Attorno a Pino, in quella occasione, si strinse una positiva solidarietà nazionale.

Leggi tutto »

Addio a Ilda Bartoloni. La giornalista voce delle donne

E’ morta questa mattina a Roma, Ilda Bartoloni giornalista del tg3 e ideatrice nonché conduttrice di “Tg3 Punto Donna”, il settimanale dell’informazione dal punto di vista delle donne.

Ilda era malata da tempo, raccontano dalla sua redazione Rai, ma nonostante il male ha lavorato fino all’ultimo, preparando anche la puntata in onda domani, alle 12.25 su Raitre, dedicata al cinema impegnato al femminile.

Scrittrice e giornalista, la Bartoloni ha cominciato la sua carriera accanto a Sergio Zavoli, nel 1968, per “Nascita di una dittatura”. In Rai lavorava dal 1975, prima al Gr2, poi al Tg2 , quindi al Tg3, dove dirigeva e conduceva Tg3 Punto Donna.

Leggi tutto »

Annozero, la puntata “riparatrice” fa il boom di ascolti. Nuove polemiche

Pieno di ascolti per la trasmissione di Michele Santoro, Annozero in onda ieri in prima serata su Raidue. Dopo le polemiche sulla puntata precedente che hanno portato alla sospensione di Vauro Senesi per una vignetta sul sisma in Abruzzo che era stata ritenuta dalla Rai gravemente lesiva dei sentimenti di pietà dei defunti”, ieri il programma è stato seguito da 5,277 milioni di spettatori e ha registrato il 20,84% di share. Vale a dire ben un milione di spettatori e il 3 per cento di share in più rispetto allo scorso giovedì quando AnnoZero fu seguito da 4,204 milioni di spettatori con uno share del 17,48.

Leggi tutto »

Arriva Terra, il primo quotidiano ecologista

terraE’ uscito oggi in edicola al prezzo di un euro, il primo numero di “Terra” il quotidiano ecologista battezzato ieri a Roma dal direttore Pino di Maula. Editore Luca Bonaccorsi, direttore editoriale Giovanni Nani, sedici pagine in formato tabloid e una distribuzione per cominciare di 80mila copie.

“Terra” nasce come organo dei Verdi ma sarà caratterizzato da notizie, approfondimenti, inchieste e poi spettacolo, sport, per interessare a tutti, con una agguerrita redazione di giovani e un comitato scientifico di tutto rispetto. Tra i nomi Mauro Tozzi, Marcello Cini, Anna Donati, Valerio Calzolaio, Umberto Guidoni, Vincenzo Ferrara.

Lo scopo è quello di offrire “proposte alternative” fondate sulla “scientificità dei contenuti”. Niente “fogli di partito”, di cui “nessuno sente il bisogno”, dunque, come ha spiegato stamane il Verde Paolo Cento, ma “un contributo per rimettere l’ecologia al centro dell’attenzione del Paese”.

Leggi tutto »

Festival del giornalismo, oggi si chiude. Ieri attenzione per Rosaria Capacchione, Vittorio Zucconi e i Vanguard Journaliust

capacchioneUltime battute per il Festival internazionale di giornalismo di Perugia. Oggi giornata finale per incontri e dibattiti: si chiudono i battenti e si da appuntamento all’anno prossimo. Bilancio fortemente positivo, quello della quinta edizione della chermesse. Un successo sotto tutti i punti di vista: per le numerosissime penne d’autore che vi hanno partecipato, per la qualità dei dibattiti e per la grande partecipazione del pubblico e degli aspiranti del mestiere.

pubblico festival5Prima di dare l’arrivederci all’anno prossimo, si chiuderà, in questa prima domenica di aprile, con un reportage di Anne Nivat su Bagdad, dove il tempo medio di vita di un occidentale senza protezione è di 12 minuti; con la consegna del premio giornalistico “Una storia da raccontare”, organizzato dal Festival in collaborazione con l’Associazione Ilaria Alpi, e dedicato quest’anno a Giancarlo Siani, per poi chiudere in bellezza con una serata che vedrà protagonista il giornalista del TG5, Toni Capuozzo.

Leggi tutto »