Rsf, Italia al 49simo posto nella classifica per la libertà di stampa

L’Italia perde ancora posizioni nella classifica della libertà di stampa. Secondo la graduatoria del 2009 stilata da “Reporters sans frontieres”, il Belpaese scende dal 44simo post del 2008 al 49simo di quest’anno. Una vera e propria caduta libera visto che nel 2007 l’Italia era in 35sima posizione.

Le motivazioni di questa diminuzione di libertà nella nostra informazione, secondo Rsf, sono da ricercarsi nelle “pressioni del Cavaliere sui media, e le crescenti ingerenze”, ma anche nelle “violenze di mafia contro i giornalisti che rivelano le attività di quest’ultima e un disegno di legge che ridurrebbe drasticamente la possibilità per i media di pubblicare i testi di intercettazioni telefoniche”.

Leggi tutto »

Libertà di stampa, Italia retrocessa a paese parzialmente libero

L’Italia è retrocessa nella categoria dei paesi “parzialmente liberi”, nell’annuale classifica sulla libertà di stampa stilata dall’organizzazione internazionale Freedom House. Tra le cause della retrocessione, relativa agli eventi dell’anno 2008, il rapporto cita il ritorno al governo di Silvio Berlusconi, un aumento di azioni legali contro i giornalisti e le minacce del crimine organizzato.

Il rapporto 2009, presentato ieri a Washington, vede l’Italia come unico paese europeo, insieme alla Turchia, a retrocedere dalla categoria dei “paesi liberi” a quella dei paesi dove la libertà è “parziale”.

Leggi tutto »

Finlandia, ecco il programma per giovani corrispondenti

FCP2008Dalla Finlandia arriva un’iniziativa per giovani giornalisti desiderosi di mettersi alla prova e migliorare la propria professionalità. Il programma si chiama “Foreign Correspondents’ Programme” ed è un corso organizzato dal Ministero degli esteri del paese scandinavo che mette a disposizione borse di studio destinate a giovani reporter e studenti di giornalismo dell’ultimo anno di corso, con un’età compresa tra 20 e 25 anni (nella foto i ragazzi che hanno partecipato all’edizione 2008).

Anche l’Italia è tra i 18 paesi cui è rivolta l’interessante iniziativa, il cui programma prevede, oltre alle lezioni, una serie di attività collaterali, quali visite in diverse aree del Paese, a differenti istituzioni, ai media ed a compagnie locali, mirate a familiarizzare lo studente con la società finlandese e con le sue specifiche abitudini di vita, fornendogli la possibilità di approfondire e migliorare la propria professionalità.

Leggi tutto »