Epolis, la salvezza passa per la Lega Nord

La testata di Epolis

La testata di Epolis

È la Lega Nord l’ultima ancora di salvezza per Epolis, il quotidiano free press ormai da mesi in grosse difficoltà economiche. A sperare ci sono oltre 140 tra giornalisti e impiegati che lavorano per la testata che fa capo al finanziere trentino Alberto Rigotti.

Secondo il quotidiano economico Milano Finanza, sarebbe il Carroccio il potenziale salvatore del quotidiano che ha tra i suoi soci anche l’europarlamentare del Pdl Vito Bonsignore e Francesco Ruscigno, il commissario straordinario di “Mariella Burani fashion group” e molto vicino a Italo Bocchino, uno dei promotori di Futuro e Libertà. Gli editori del free press, su cui pesano quasi 80 milioni di debiti, starebbero infatti sondando la disponibilità di qualche imprenditore del Nord vicino a Umberto Bossi a entrare nel capitale.

Leggi tutto »

Chiude il Corriere di Livorno, fallisce il tentativo dell’editore-calciatore Lucarelli

Sembra giunta al capolinea l’esperienza del calciatore del Livorno, Cristiano Lucarelli, come editore di un quotidiano. “Il Corriere di Livorno”, giornale da lui fondato il 9 settembre del 2007, ha annunciato la possibile chiusura dell’attività. La crisi dell’editoria non ha risparmiato nemmeno l’esperimento dell’editore-calciatore.

Ad annunciare la fine delle pubblicazioni è stato lo stesso Lucarelli, in un editoriale (il primo scritto da lui in due anni) comparso sulla prima pagina del quotidiano livornese. “Attualmente – scrive il giocatore – complice la crisi, le copie vendute al di sotto delle aspettative e lo scarso interesse (per paura di ritorsioni) di imprenditori contattati per affiancarmi in questa avventura, mi hanno fatto riflettere sull’eventualità di cessare le pubblicazioni del Corriere di Livorno entro la fine del 2009”.

Leggi tutto »

New York Times, a breve sito internet a pagamento

Dopo tante chiacchiere il New York Times sembra intenzionato a passare ai fatti: far pagare ai lettori l’accesso al suo sito web. L’idea, che ha fatto discutere molto anche in Italia, scatenando tavole rotonde e dibattiti pubblici tra favorevoli e contrari, già circolava da tempo ma ora sembra sul punto di concretizzarsi.

Il prestigioso quotidiano della Grande Mela, di proprietà di Rupert Murdoch, si trova in grosse difficoltà economiche e le sta provando tutte per risanare i suoi conti. Dopo aver aumentato di 50 centesimi il prezzo di vendita, ridotto il personale e venduto alcuni asset, mettere le news online a pagamento è l’ultima strategia per arginare la crisi.

Leggi tutto »

Crisi mondiale editoria, 1400 tagli al gruppo editoriale Gannett e scioperi in Grecia

La crisi del settore editoriale non conosce confini. Ogni giorno arrivano notizie di scioperi, chiusure di mezzi di comunicazione e stati di crisi dalle parti più disparate del mondo. Le ultime notizie, in ordine di tempo, arrivano dalla Grecia e dagli Stati Uniti.

Nella penisola ellenica i cronisti hanno incrociato le braccia per la seconda volta nelle ultime settimane, per protestare contro la chiusura del gruppo che stampava il quotidiano conservatore “Eleftheros Typos” e per invitare governo, partiti politici e imprenditori ad “assumersi le proprie responsabilità”. Lo sciopero di tre ore è avvenuto ieri su invito dall’Associazione dei giornalisti ateniesi (Eshea) ed è culminato con una dimostrazione davanti al parlamento. L’astensione dal lavoro fa seguito, ad una settimana di distanza, ad un altro sciopero di 24 ore che ha coinvolto tutti i media nazionali, dopo che i proprietari della testata avevano annunciato l’improvvisa messa in liquidazione del gruppo cui faceva capo il quotidiano, un supplemento settimanale e una radio, giustificandola con difficoltà economiche. In tutto oltre 450 le persone perderanno il posto di lavoro.

Leggi tutto »

Crisi editoria, giornalisti de “La provincia di Como” a rischio esuberi

la provincia di comoContinua la triste conta delle aziende editoriali messe in ginocchio dalla crisi economica. L’ultima notizia in oridne di tempo arriva da Como dove la proprietà del quotidiano locale “La provincia di Como” ha annunciato la possibilità di licenziamenti dovuti ad un imminente piano di ristrutturazione aziendale reso neccessario dalle difficoltà economiche in cui versa il giornale.

Dalla Federazione nazionale della stampa (Fnsi) e dall’Associazione lombarda dei giornalisti è arrivato il “pieno sostegno” ai colleghi de “La Provincia di Como” di cui condividono le “preoccupazioni” per l’annuncio di ipotesi di esuberi. In una nota la Fnsi e Associazione Lombarda, annunciano che “valuteranno con attenzione l’eventuale piano di ristrutturazione aziendale, nel pieno rispetto delle regole di legge e contrattuali e secondo le corrette procedure sindacali”.