Sindacato contro Ordine dei giornalisti. E’ guerra aperta sull’accesso alla professione

Sindacato contro Ordine dei giornalisti. È guerra aperta tra i due organi istituzionali sul problema dell’accesso alla professione. Nelle ultime ore il faccia a faccia si è fatto sempre più duro e i comunicati sempre più velenosi. La Fnsi accusa l’ordine di attuare una politica “incomprensibile”, l’Ordine risponde parlando di “delirio del sindacato”.

Ma la polemica ha radici profonde. Le prime scaramuccie si erano avute il 16 gennaio scorso quando i vicesegretari della Fnsi, Daniela Stigliano e Luigi Ronsisvalle, intervenendo in due assemblee di giornalisti free lance a Catania e Palermo, affermano: “No a nuove fabbriche di disoccupati, questa gestione dell’accesso da parte dell’Ordine nazionale dei giornalisti sta portando la professione al collasso”.

Alle accuse aveva replicato prontamente il presidente dell’ordine nazionale, Lorenzo del Boca: “Non bastano infondate accuse all’Odg per scaricarsi la coscienza”.

Leggi tutto »

Fnsi, i free lance ottengono una rappresentanza nel sindacato

FnsiSi chiamerà Commissione lavoro autonomo e sarà l’organo della Federazione nazionale della stampa che rappresenterà gli interessi sindacali dei giornalisti free lance. “Da oggi i giornalisti freelance hanno la loro rappresentanza sindacale permanente all’interno della Fnsi – si legge nel comunicato diffuso dal sindacato -. Il Consiglio nazionale, su proposta della Giunta esecutiva, ha infatti approvato la costituzione della commissione.”

“La nuova Commissione – continua la nota – sarà articolata a livello regionale, e verrà eletta direttamente dai colleghi freelance. La Commissione opererà in stretto collegamento con la Giunta esecutiva e la Segreteria nazionale della Fnsi per tutte le attività di tutela degli interessi professionali, contrattuali, previdenziali e assistenziali dei lavoratori autonomi”.

È stata confermata, inoltre, l’Assemblea nazionale dei freelance, alla quale la Giunta esecutiva ha conferito nuovi compiti, oltre a varare l’istituzione di Assemblee regionali dei giornalisti lavoratori autonomi. Il nuovo organo, conclude la nota “risponde alle richieste giunte dai colleghi freelance di tutta Italia, che hanno chiesto – nel corso di numerose riunioni organizzate dalla Fnsi e dalle Associazioni regionali a livello nazionale e locale – una rappresentanza sindacale nella forma di una struttura permanente all’interno della Federazione.”

Leggi tutto »

Riforma ordine giornalisti, riprende l’iter alla Camera

Camera_DeputatiSembra finalmente raggiunto l’accordo per la riforma dell’ordinamento gionalistico. È prevista per oggi in commissione cultura alla camera, la ripresa dell’iter della proposta di legge che dovrà cambiare le regole del giornalismo e la figura del cronista in Italia. Stavolta sembra possa arrivare la tanto attesa fumata bianca, dal momento che c’è l’accordo bipartisan di tutti i deputati.

La nuova proposta conterrà modifiche sostanziali per l’accesso alla professione, per cui diventerà obbligatoria la laurea; richiederà una maggiore attenzione alla deontologia e – punto più delicato – prevederà l’istituzione di un giuri’ “per la correttezza dell’informazione”. Novità anche per quanto riguarda l’Ordine dei giornalisti: il provvedimento conterrà un nuovo meccanismo elettorale per la nomina del Consiglio Nazionale.

Leggi tutto »

Fnsi ascoltata in commissione cultura sul dl internet e tv

siddi e nataleContrari ad ogni provvedimento “che appesantisca il già gravissimo squilibrio di risorse pubblicitarie tra tv e carta stampata”. E’ la posizione ribadita dai vertici della Fnsi, ascoltati dalle Commissioni Cultura e Trasporti della Camera, in merito allo schema di decreto legislativo su tv e internet approvato dal governo a dicembre.

Secondo la Fnsi, lo scenario prospettato dal segretario del sindacato dei giornalisti Franco Siddi e dal presidente Roberto Natale, si avvererà con grosse probabilità se il testo governativo sarà approvato: la nuova legge renderebbe più flessibili i limiti sulle interruzioni e modificherebbe la normativa sulle autopromozioni nelle tv commerciali nazionali.

Perciò la Fnsi ha chiesto che venga chiamata in audizione anche la Fieg, ad esprimere il punto di vista del comparto più penalizzato dell’informazione italiana.

Leggi tutto »

Si assegna il premio Corso Bovio alle migliori tesi di laurea sul giornalismo

Si terrà giovedì 15 ottobre alle ore 15.00, a Positano, in occasione del Consiglio nazionale che si svolge presso l’Hotel Le Agavi, la cerimonia di premiazione del Concorso giornalistico internazionale “Corso Bovio” promosso e organizzato dall’Ordine nazionale dei giornalisti, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

La cerimonia è prevista a conclusione del dibattito sul tema “Libertà di stampa, informazione e formazione dei giornalisti” che avrà luogo alle ore 10.00 con la partecipazione dei Presidenti Marcello Pera e Luciano Violante.

La consegna dei premi ai vincitori (sei premi del valore di 5.000,00 euro ciascuno più un premio di 5.000,00 euro per la sezione internazionale “Anna Politkovskaya”) si svolgerà alla presenza del Consiglio nazionale, della giuria del premio e di rappresentanti delle istituzioni e della società politica e civile.

Leggi tutto »

Ddl Alfano, proseguono petizioni e mobilitazioni del mondo della stampa

Il mondo del giornalismo continua compatto la mobilitazione contro il Ddl Alfano sulle intercettazioni. Dopo il sì ottenuto la settimana scorsa dal provvedimento alla Camera, si moltiplicano, dalla carta stampata ad internet, agli organismi di categoria, gli appelli in favore della libertà d’informazione.

Ieri il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti ha approvato per acclamazione un documento in cui si impegna a continuare “in tutte le sedi questa battaglia di libertà e chiede agli altri organismi di categoria di riunire a Roma gli stati generali dell’informazione proprio nei giorni in cui il disegno di legge sarà discusso al Senato”.

Leggi tutto »

Francia, arriva il codice deontologico per i giornalisti

In Francia i giornalisti transalpini a breve avranno un codice deontologico. Ad approvare il documento sarà chiamato un consiglio di sei o sette esperti, tra i quali i rappresentanti delle associazioni dei giornalisti, dei sindacati e del patronato, della stampa e della televisione e un avvocato. Prima di essere adottato il nuovo codice dovrà essere approvato dai rappresentanti degli editori e dai sindacati dei giornalisti.

La necessità di inserire l’attività giornalistica in una serie di norme etiche ben definite era stata sancita dagli “Stati generali della stampa”, convocati dal presidente Nicolas Sarkozy, lo scorso ottobre, per fare il punto della situazione dell’informazione d’oltralpe. Dal summit, conclusosi a gennaio, erano uscite circa novanta proposte tra cui quella del codice di deontologia.

Leggi tutto »

Ancora guai per Maniaci: dopo il rinvio a giudizio nuove minacce mafiose

Sembra non avere pace Pino Maniaci, direttore di Telejato, piccola tv privata di Partinico. Dopo le polemiche per la sua non appartenenza all’Ordine dei giornalisti e il relativo processo per esercizio abusivo della professione, si apprende ora che il giornalista siciliano avrebbe subito nuove minacce di stampo mafioso.

Proprio quando il polverone suscitato dalla questione del suo tesserino professionale, per il quale il cronista si era deciso a fare richiesta, sembrava placarsi, ecco che si viene a sapere delle nuove intimidazioni. La notizia è stata diffusa dal quotidiano Terra in edicola mercoledì. Nell’articolo si legge che l’ordine di zittire Maniaci sarebbe venuto dal territorio di Cinisi.

Leggi tutto »

Fnsi, riforma dell’Ordine giornalisti va accelerata

FNSIE’ ora che il progetto di riforma dell’Ordine dei giornalisti faccia “significativi passi avanti”. E’ la presa di posizione del Consiglio nazionale della Federazione nazionale della stampa, in una mozione approvata ieri con 30 voti favorevoli e tre astenuti.

Nel testo della mozione, il Consiglio “esprime forte preoccupazione per il ritardo con il quale il vertice dell’Ordine nazionale dei giornalisti ha messo mano alla riforma della legge istitutiva dell’Ordine stesso con particolare riferimento al tema dell’accesso alla professione. L’inerzia su tale punto ha offerto alle aziende editoriali di potere disporre di un pressoché inesauribile bacino di forza di lavoro di riserva con conseguenze gravi sulla capacità negoziale su temi delicati quali la tutela dei diritti, primo fra tutti quello alla continuità del rapporto di lavoro, per i colleghi assunti a tempo determinato”.

Leggi tutto »

Contratto giornalisti, referendum confermativo entro il 15 giugno

FNSIIl Consiglio nazionale della Federazione nazionale della stampa ha dato mandato “alla giunta esecutiva di redigere il regolamento per il referendum” che chiamerà tutti i giornalisti a esprimersi sull’ipotesi di accordo siglata la scorsa settimana con la Federazione italiana editori giornali. Il regolamento dovrà essere “redatto entro aprile” e il referendum “dovrà essere celebrato quanto prima, e comunque non oltre il 15 giugno“.

“Pur non costituendo un obbligo statutario di valore giuridico – spiega il documento approvato ieri dal Consiglio con 38 voti a favore, tre contrari e due astenuti – il referendum sull’ipotesi di contratto rappresenta un impegno politico vincolante per l’insieme del gruppo dirigente federale, che dovrà valutarne gli esiti”.

Il referendum, spiega ancora la Fnsi, “dovrà svolgersi con voto in urne distinte per tipologia di votanti, con modalità omogenee in tutta Italia, con apertura delle urne per almeno 12 ore nell’arco di 36, con scrutinio centralizzato. Stanti le caratteristiche del referendum, lo spoglio delle schede verrà effettuato a prescindere dalla percentuale dei votanti, essendo questa una delle variabili su cui il gruppo dirigente dovrà esprimere la valutazione politica finale”.

Leggi tutto »