Minzolini ad Unomattina: “Berlusconi ha rivoluzionato la politica”

Augusto Minzolini, direttore del Tg1

Augusto Minzolini, direttore del Tg1

Augusto Minzolini a tutto campo ad “Unomattina”. Il direttore del Tg1 intervistato durante trasmissione mattutina di Rai Uno, parla di tutto: dalla politica, alle scelte adottate per la sua testata, per arrivare ad Enrico Mentana, suo nuovo concorrente alla guida del telegiornale di La7. Nel corso della sua prima intervista su Raiuno da quando dirige il Tg1, il discusso “direttorissimo”, come lo ha ribattezzato Silvio Berlusconi, esprime parole di apprezzamento per il premier.

Interrogato da Pierluigi Diaco sull’impatto portato dalla discesa in campo del Cavaliere sulla politica italiana, ha detto: “Berlusconi ha rivoluzionato la politica italiana”, introducendo in Italia “una politica più moderna”. Cosa che invece non è riuscita alla sinistra a cui, secondo Minzolini, sarebbe “mancato il coraggio”. In particolare, continua il direttore “l’esperienza del governo D’Alema a un certo punto si bloccò. E si bloccò perché la base, la tribù, come la definiva D’Alema, non lo seguiva. La sinistra italiana deve fare un processo profondo. La caduta del muro non fu vissuta come doveva essere. È stata intrapresa una scorciatoia”.Berlusconi invece, spega Minzolini, è riuscito a trasformare “una democrazia parlamentare dove i governi duravano in media un anno e mezzo” in una più moderna in cui i governi “durano di più”.

Leggi tutto »

Teleratti 2010, a Minzolini il premio per il peggio in tv

Il teleratto 2010 a Minzolini

Il teleratto 2010 a Minzolini

Non è certo un periodo fortunato per Augusto Minzolini, criticatissimo direttore del Tg1. I suoi editoriali, le sue epurazioni/ringiovanimenti, le sue vicende giudiziarie, gli hanno procurato spesso disapprovazione e biasimo. A sancire tutto questo arriva anche l’aggiudicazione del “TeleRatto della critica 2010”. Il premio, organizzato dal famoso blog “davidemaggio.it”, premia ogni anno il peggio della televisione di casa nostra, parodiando i “TeleGatti”, le note statuette assegnate al meglio del piccolo schermo. Una vittoria di cui “il direttorissimo”, come Silvio Berlusconi ama chiamare Minzolini, non andrà certo fiero. A peggiorare la situazione il fatto che ad assegnare il temuto “sorcio catodico” sia stata una giuria di qualità formata da 28 prestigiose firme del giornalismo italiano e, dunque, colleghi di Minzolini. Tra le motivazioni, la giuria scrive che: “il Tg1 ha perso il suo carattere istituzionale, telegiornale principe, ecumenico, rivolto a tutti gli italiani. Non perché Minzolini non possa fare i suoi editoriali, ci mancherebbe. Ma se sono schierati o peggio, militanti, si può pensare che tutto il resto dell’informazione di quel telegiornale sia orientata allo stesso modo. La premessa è confermata dal fatto che la tendenza generale della qualità delle notizie e dei servizi si è abbassata. Molta cronaca locale e spicciola, incidenti, guai domestici e molto costume leggero, abitudini frivole, turismo locale, luoghi comuni”. In conclusione: “Per essere riuscito a trasformare completamente il Tg1, da sempre voce dell’ufficialità, schierato ma neutro, anodino e governativo, attento a bilanciare le sue notizie con cura certosina, assegniamo ad Augusto Minzolini il TeleRatto della Critica 2010”. L’appuntamento con la premiazione è per giovedì 6 maggio 2010 alle 14.30 quando, in diretta tv all’interno del programma di Raiuno “Festa Italiana”, saranno svelati, in contemporanea a davidemaggio.it, i vincitori di tutti gli tutti gli altri oscar al peggio della nostra televisione. È la prima volta che la manifestazione, nata in rete e che spegne quest’anno quattro candeline, debutta in tv.

Leggi tutto »

Caso Minzolini, mercoledì 14 ottobre l’audizione in Commissione di vigilanza

Augusto Minzolini sarà ascolto mercoledì 14 ottobre dalla Commisione di parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. La conferma è arrivata ieri in un comunicato dell’organo parlamentare in cui si annuncia che la Commissione “si riunirà, sotto la presidenza del senatore Sergio Zavoli, mercoledi’ 14 ottobre alle ore 14,00″.

“All’ordine del giorno -prosegue la nota – come stabilito dall’Ufficio di presidenza nella seduta di mercoledì 7 ottobre, l’audizione del direttore del Tg1 e del Tg2, con eventuale proseguimento alle ore 21,00″.

Nella seduta successiva, giovedi’ 15 ottobre alle ore 9,30, sempre secondo il calendario approvato dall’Ufficio di presidenza, si svolgeranno le audizioni dei direttori del Tg3 e del GR con eventuale proseguimento alle ore 18,00. Seguiranno le audizioni degli altri direttori di Testata, dei conduttori dei programmi di approfondimento, dei direttori di Rete e delle trasmissioni di servizio.

Rai, il Cda convoca Minzolini e Mazza per l’editoriale sulla manifestazione dell’Fnsi

Continua a far discutere l’editoriale del direttore del Tg1, Augusto Minzolini, contro la manifestazione per la libertà di stampa di sabato scorso. Ieri in un acceso Consiglio di amministrazione Rai, i consiglieri ne hanno parlato a lungo, esprimendo posizioni opposte. Alla fine si è deciso di convocare la settimana prossima, sia Minzolini sia il direttore di Raiuno, Mauro Mazza.

L’audizione, fanno sapere dal Cda, riguarderà anche la situazione degli ascolti, in calo, della rete. La notizia della convocazione di Minzolini in Cda si unisce a quella già diffusa di una sua prossima audizione in commissione di Vigilanza. Quest’ultima, infatti, ha disposto un fitto calendario di incontri che prenderà il via proprio con il direttore del Tg1. Poi, a stretto giro di posta, toccherà ai direttori di testata, i direttori di rete e i conduttori di programmi che si occupano di informazione (Santoro, Vespa, Gabanelli, Floris, Iacona tra gli altri).

Sull’editoriale di sabato la polemica resta aperta. In Consiglio di amministrazione le posizioni sono state molto diverse: il presidente della Rai, Paolo Garimberti, avrebbe ribadito le sue perplessità, che lo avevano già spinto a definire l’intervento “irrituale” e a richiamare al buon senso e alla moderazione. Al contrario il direttore generale, Mauro Masi, avrebbe difeso Minzolini, ricordando però anche la lettera inviata a tutti i direttori dei tg per richiamarli al rispetto della completezza e del pluralismo dell’informazione. Divisi i consiglieri, con la maggioranza a difendere il direttore del Tg1 e l’opposizione a criticarlo, sollevando dubbi sull’intera gestione del telegiornale, ormai trasformato da notiziario istituzionale a filogovernativo.

Leggi tutto »

Editoriale di Minzolini al Tg1: “Manifestazione assurda”. E il Cdr sfiducia il direttore

“Mai stati schierati, il Tg1 è di tutti”. Con queste dure parole il comitato di redazione del Tg1 ha preso le distanze dal suo direttore Augusto Minzolini che, sabato sera subito dopo la manifestazione di piazza del Popolo in difesa della libertà di stampa, durante l’edizione delle 20 del Tg, aveva definito, “assurda” la protesta organizzata dal sindacato dei giornalisti.

Nel suo editoriale, Minzolini aveva definito l’informazione “teatro di uno scontro di potere” e bollato la manifestazione come simbolo della “volontà di insediare un regime mediatico”. Il giorno dopo le parole di Minzolini arriva la reazione del Cdr del Tg1 composto da Alessandro Gaeta, Claudio Pistola e Alessandra Mancuso. L’organizzazione sindacale ha chiesto ai vertici aziendali di essere convocato con urgenza “per esprimere le proprie preoccupazioni”.

Leggi tutto »

Al via il premio Ischia. Quattro giorni di dibattiti e proiezioni

Prende il via il Premio Ischia Internazionale di Giornalismo, tradizionale appuntamento annuale promosso dalla Fondazione Giuseppe Valentino, che quest’anno giunge alla XXX edizione. I premi saranno consegnati al Piazzale delle Alghe di Ischia, davanti al Castello Aragonese. La cerimonia, che si svolgerà il 4 luglio nel Piazzale delle Alghe di Ischia sarà trasmessa il 16 luglio su Rai Uno.

Si parte il 1° luglio con l’intervista di Emilio Carelli a David Grossman sul tema “Giornalismo e Letteratura: quale contributo può dare la letteratura al giornalismo e alla politica?”. A seguire il dibattito “Il giornalismo dei grandi media mondiali, tra guerre dimenticate e reporter uccisi, è ancora utile alla causa dei diritti umani e alla democrazia?” moderato da Emilio Carelli. Interverranno Armando Valladares, Jean Daniel, Peter Stothard, Taylor Krauss ed Emma Bonino. Nel corso della serata sarà proiettato il documentario di Michael Kavanagh “War in DR Congo”, vincitore del premio RFK Journalism Award negli Stati Uniti. Interverranno gli avvocati Federico Moro e Simone Greggs, responsabili in Italia e degli Stati Uniti della Fondazione Robert F. Kennedy.

Leggi tutto »

Tg1, Minzolini risponde: “Nessuna censura pro Berlusconi, solo gossip”

Pubblichiamo di seguito il video andato in onda durante il Tg1 di ieri sera in cui il direttore della testata Augusto Minzolini risponde alle accuse di “oscurmento” delle feste a luci rosse nelle ville del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi:

Nomine Rai, Masi si difende: “un atto doveroso”

Mauro Masi, direttore generale della Rai, risponde alle critiche giunte dal centro sinistra dopo le nomine di Augusto Minzolini alla direzione del Tg1 e di Mauro Mazza a quella di RaiUno.

Ho il massimo rispetto delle legittime posizioni degli schieramenti politici - ha dichiarato Masi all’agenzia di stampa Agi a 24 ore dalle nomine – tengo però a ricordare che l’Azienda si è mossa per andare a coprire quelle che erano le urgenze”. “E’ un atto che ritengo doveroso – ha concluso Masi – e in qualche modo necessitato per chi ha la responsabilità della gestione di una società importante come è la Rai”.

La scheda di Augusto Minzolini, nuovo direttore del Tg1

Il nuovo diretore del Tg1, Augusto Minzolini è nato a Roma il 3 agosto 1958.

Durante gli anni ’70 partecipò a due film di Nanni Moretti, “Io sono un autarchico” del 1976 e “Ecce Bombo” del 1978. Dopo aver ottenuto la maturità classica, cominciò nel 1977, subito a lavorare come giornalista all’agenzia di stampa Asca.

Dal 1980 giornalista professionista, nel 1983 diventa collaboratore della rivista Panorama che lo assume solamente due anni più tardi. Diviene nel 1990 giornalista de La Stampa di Ezio Mauro, e due anni dopo Paolo Mieli lo destina al ruolo di inviato. Carlo Rossella lo promuove editorialista nel 1997.

Leggi tutto »

Cda Rai, nominati due direttori: Minzolini al Tg1 e Mazza a RaiUno

Augusto Minzolini è il nuovo direttore del Tg1, Maura Mazza il direttore di RaiUno. Sono questi i verdetti più importanti usciti dal Consiglio di amministrazione della Rai che ha dato il via libera alle nomine proposte dal direttore generale Mauro Masi.

Nominati anche i quattro vicedirettori generali che saranno Gianfranco Comanducci, Lorenza Lei, Giancarlo Leone e Antonio Marano.

Le investiture sono avvenute in assenza dei consiglieri dell’opposizione che hanno lasciato la riunione nel momento in cui si è iniziato a parlare di nomine. La riunione è comunque proseguita con gli altri consiglieri, il presidente Paolo Garimberti e il direttore generale. Tutti i presenti hanno votato a favore.

Leggi tutto »